Mais: 380 euro di reddito in più con minima lavorazione e dosi variabili

1012 euro/ha contro 615,94 euro/ha: è la differenza di reddito netto tra la lavorazione tradizionale con guida manuale (aratura ed erpicatura) e la minima lavorazione (con un passaggio di coltivatore Kverneland CLC più un passaggio di erpice Kverneland Qualidisc) abbinata alla guida automatica e alle dosi variabili di semente e concimi. Questo, in estrema sintesi, è il verdetto di campo uscito dalla sperimentazione realizzata su mais da trinciato Dekalb DKC 6752 dalla Kverneland Group Academy insieme all’Università di Perugia nel 2018 presso la Società Agricola Le Colombaie di Visano (Brescia), in collaborazione con Adama, Dekalb, Scam e La Cerealtecnica.

Il Kverneland CLC con cui è stato effettuato il primo passaggio di minima lavorazione.

 

Il Kverneland Qualidisc con cui è stato effettuato il secondo passaggio di minima lavorazione.

 

Riportiamo qui di seguito una sintesi dei dati elaborati dal team del prof. Frascarelli. Per leggere lo studio completo, rimandiamo alla lettura di questa pubblicazione online: "Quali vantaggi economici dall'agricoltura di precisione?".

Le produzioni unitarie delle diverse tesi a confronto

  1. Aratura ed erpicatura con guida manuale: 63 t/ha
  2. Aratura ed erpicatura con guida automatica e controllo delle sezioni dello spandiconcime: 57,2 t/ha
  3. Aratura ed erpicatura con guida automatica,controllo delle sezioni e dosi variabili: 67,5 t/ha
  4. Minima lavorazione con guida manuale: 67,9 t/ha
  5. Minima lavorazione con guida automatica e controllo delle sezioni: 65 t/ha
  6. Minima lavorazione con guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili: 69 t/ha
  7. Strip-till con guida automatica e controllo delle sezioni: 63,3 t/ha
  8. Strip-till con guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili: 68,2 t/ha
Considerazioni pratiche

a) L’applicazione massima dei sistemi di precisione, cioè guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili, in tutte e tre le situazioni agronomiche (tradizionale, minima e strip-till) porta a un vantaggio produttivo pari ad alcune tonnellate di prodotto.

b) Dai dati delle parcelle 2 e 5 si nota che il passaggio da guida manuale a guida automatica e controllo delle sezioni, sia per l’aratura sia per la minima, porta a una diminuzione di resa. Il fenomeno, del tutto anomalo sotto il profilo tecnico dal momento che i sistemi di precisione contribuiscono sempre a migliorare gli standard produttivi, si spiega in maniera molto chiara se analizziamo le mappe del suolo. Da queste si desume infatti che le parcelle 2 e 5 (di ampiezza oltre 1,5 ettari cadauna) cadono su una porzione di terreno molto meno fertile rispetto a quello delle altre parcelle. Stessa situazione si ripete per lo strip-till, dove la parcella 7 patisce lo svantaggio produttivo di essere ospitata su un terreno decisamente peggiore rispetto alla parcella 8. Da qui l’importanza di avere sempre a disposizione le mappe del suolo, che nella nostra sperimentazione sono state eseguite da Agrisoing.

Kverneland Kultistrip per la realizzazione delle strisce di semina.

 

Costo dei fertilizzanti

L’applicazione al massimo livello dell’agricoltura di precisione (guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili) porta ai seguenti risparmi di concime:

  • Nelle lavorazioni tradizionali: -15,5 euro/ha
  • Nelle lavorazioni minime: -48 euro/ha
  • Nello strip-till: -47 euro /ha

Teniamo conto che passare da aratura ed erpicatura con guida manuale a minima con il livello massimo di applicazione dei sistemi di precisione, il risparmio di concime è pari a circa 48 euro/ha.

Kverneland Geospread TL per la concimazione con controllo automatico satellitare delle sezioni, per annullare le doppie distribuzioni di concime e per la realizzazione delle dosi variabili. Nella sperimentazione sono stati utilizzati concimi Scam.

 

Costo del gasolio

La differenza significativa si riscontra passando dalle lavorazioni tradizionali (aratura ed erpicatura), con un costo per il gasolio di 53,3 euro/ha, alla minima lavorazione, dove si spende in media per le tre diverse situazioni 25,5 euro/ha. Ancora più forte è il risparmio se si adotta lo strip-till, dato che i costi del gasolio stanno sotto i 19 euro/ha.

La seminatrice Kverneland HD e-drive con la quale si è effettuata la semina del mais con i tre diversi livelli di “precisione”.

 

Costo del lavoro

È molto importante la diminuzione delle ore di lavoro nel passaggio tra sistemi tradizionali di gestione del terreno a minima e a strip-till. Ecco il dettaglio:

  • Aratura ed erpicatura: 61 euro/ha come media delle tre situazioni
  • Minima lavorazione: 27 euro/ha come media
  • Strip-till: 23,5 euro/ha come media

Ammortamento attrezzature

I dati dell’attività di Kverneland Group Academy confermano che i costi di ammortamento diminuiscono in maniera molto significativa passando dalle lavorazioni tradizionali alla minima lavorazione, strip-till compreso.

  • Aratura ed erpicatura: 89 euro/ha come media delle tre situazioni
  • Minima lavorazione: 37 euro/ha come media
  • Strip-till: 55 euro/ha come media

Kverneland Ikarus S 28, la botte con la quale sono stati eseguiti i diserbi con i prodotti Adama.

 

Sistemi di guida satellitare

L’incidenza sul conto economico finale dei sistemi di guida satellitare è pari a circa 4 euro/ha, costo al quale va aggiunto meno di un euro/ha per il canone del segnale.

Quanto rimane in tasca all'agricoltore

  1. Aratura ed erpicatura con guida manuale: reddito netto 615,94 euro/ha
  2. Aratura ed erpicatura con guida automatica e controllo delle sezioni dello spandiconcime: reddito netto 447,04 euro/ha
  3. Aratura ed erpicatura con guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili: reddito netto 741,73 euro/ha
  4. Minima lavorazione con guida manuale: reddito netto 972,94 euro/ha
  5. Minima lavorazione con guida automatica e controllo delle sezioni: reddito netto 911,05 euro/ha
  6. Minima lavorazione con guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili: reddito netto 1012,07 euro/ha
  7. Strip-till con guida automatica e controllo delle sezioni: reddito netto 750,64 euro/ha
  8. Strip-till con guida automatica, controllo delle sezioni e dosi variabili: reddito netto 914,38 euro/ha

Sono se si fanno i conti, si capiscono i reali vantaggi economici

Questo è il quadro finale che mette a confronto il reddito netto delle otto tesi, dal quale si desume che la minima lavorazione con Kverneland CLC e Qualidisc, abbinata ai sistemi di precisione, porta all’agricoltore i maggiori vantaggi economici. Che risultano ancora maggiori nei casi, non affatto rari, nei quali si fa un solo passaggio con una delle due attrezzature (ma in questo caso la natura del terreno e le ormaie derivanti dalla ripetuta distribuzione dei liquami aziendali ha suggerito di effettuare due passaggi per la preparazione del letto di semina).

Anche lo strip-till esce vincitore dal confronto con le lavorazioni tradizionali, anche se, come accade per l’aratura e la minima, deve scontare un calo produttivo legato esclusivamente alle diverse e peggiorative caratteristiche del suolo.

Il messaggio conclusivo da evidenziare ai nostri imprenditori è che abbandonare le lavorazioni tradizionali per passare alla minima lavorazione, applicando i sistemi di precisione a diversi livelli, fa aumentare la redditività netta del raccolto di mais da trinciato di oltre 380 euro/ha. Con i chiari di luna di questi tempi questa è una buona notizia, perché significa che moltissime aziende hanno davanti a loro una prospettiva economica per rimanere sul mercato.

 

Per approfondire i risultati scientifici della Kverneland Group Academy, leggi la pubblicazione "Quali vantaggi economici per l'agricoltura di precisione?"