Mais, è ufficiale: il reddito aumenta di 386 euro/ettaro con minima lavorazione e dose variabile di seme

Lo dimostrano i risultati 2019 della Kverneland Group Academy

Un'innovazione tecnico-agronomica serve e si diffonde se è conveniente sotto il profilo economico. La minima lavorazione del terreno abbinata all'agricoltura di precisione è l’innovazione più importante introdotta nei seminativi dall'avvento degli ibridi di mais, ma gli agricoltori hanno bisogno di dati e di cifre indiscutibili per convincersi a fare il grande salto. Eccoli.

Dati esclusivi e attendibili

Kverneland Academy, progetto varato nel 2018 in collaborazione con l’equipe del prof. Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia, si è posta l’obiettivo di fornire un quadro finalmente chiaro sui benefici di queste due innovazioni agronomiche, mettendole a confronto con il percorso tradizionale che prevede aratura e successive erpicature (cioè quello che la maggior parte degli agricoltori continua a voler fare anche oggi, non considerando che solo l’innovazione può cambiare i connotati del conto economico che oggi non li soddisfa).

28 ettari di prove a confronto nel 2019

L’attività di campo 2019 è stata realizzata presso l’azienda Villagrossa di Casteldario (Mantova) su una superficie complessiva di 28 ettari suddivisi in 9 prove ripetute due volte, secondo quanto stabiliscono i canoni della sperimentazione ufficiale.

I partner tecnici del progetto

Oltre a Kverneland Group Italia, ideatrice del progetto, hanno collaborato in partnership Bayer, Dekalb, Scam e la ditta Speziali Antenore con l’agronomo Bruno Agazzani che ha eseguito tutte le operazioni colturali, rilevato i dati di ogni operazione e realizzato il coordinamento agronomico in accordo con i partner tecnici.

  • Bayer ha fornito Adengo Xtra, Roundup Platinum.
  • Dekalb ha fornito il mais DKC 5830.
  • Scam ha fornito i fertilizzanti Nutrigran Top S e Azotop 30.
  • La ditta Speziali ha utilizzato le seguenti attrezzature Kverneland: aratro Variomat 2500 S, erpice F 35, CTC, KULTISTRIP, seminatrice Optima TF Profi, botte iXter-iXtra e spandiconcime EXACTA GEOSPREAD TL.

Tre livelli di precisione e tre tecniche di lavorazione

Nel 2019 sono state applicati tre livelli di precisione a tre tecniche di lavorazione del suolo:

La novità 2019 è stata quella di inserire nel livello 1 la dose variabile di seme con dose fissa di concime e nel livello 2 la dose variabile del concime con dose fissa di seme, per valutare meglio l’incidenza di questi due mezzi tecnici sulla redditività finale.

La base di partenza è stata la mappatura dei 28 ettari di terreno con la società Agrisoing che ha fornito il dettaglio di tutte le analisi fisiche e chimiche per poter predisporre le mappe di prescrizione.

Come leggere i risultati delle diverse prove

Prima di leggere le tabelle riassuntive dei dati di confronto è opportuno considerare la seguente legenda:

  • TRADIZIONALE 0= aratura, erpicatura e senza agricoltura di precisione
  • TRADIZIONALE 1= guida automatica, dose variabile del seme e dose fissa del concime
  • TRADIZIONALE 2= guida automatica, dose variabile del concime e dose fissa del seme
  • MINIMA 0= minima lavorazione e senza agricoltura di precisione
  • MINIMA 1= guida automatica, dose variabile del seme e dose fissa del concime
  • MINIMA 2= guida automatica, dose variabile del concime e dose fissa del seme
  • STRIP 0= strip till con dose fissa di seme e concime
  • STRIP 1= guida automatica, dose variabile del seme e dose fissa del concime
  • STRIP 2= guida automatica, dose variabile del concime e dose fissa del seme

Come si vede dalla tabella in alto, le produzioni di granella sono mediamente basse a causa di eventi atmosferici come un’alluvione all’emergenza del mais e una grandinata in fioritura, che hanno penalizzato un mais di classe 500 seminato anche un po’ tardivamente.

Il prezzo della granella preso a riferimento per i calcoli è pari a 173 euro/tonnellata.

Come si nota, il ricavo più alto si è ottenuto con la minima lavorazione abbinata alla dose variabile di seme, seguita da aratura con dose variabile di seme e da strip till sempre con dose variabile di seme.

Ma se andiamo ad analizzare il reddito netto, quindi una volta dedotti tutti i costi, si vede come rimane vincente la minima lavorazione unita alla dose variabile di seme con 569 euro/ha, ma al secondo posto si piazza lo strip-till con 479 euro/ha di reddito e al terzo sempre lo strip-till con dose variabile del concime con 436 euro/ha di reddito netto, staccando nettamente le lavorazioni tradizionali anche se a queste si applica l’agricoltura di precisione.

Gli istogrammi azzurri a destra dell’immagine forniscono un quadro di insieme dei risultati, dal quale emerge che:

  1. L’agricoltura di precisione intesa come guida automatica, controllo delle sezioni nella distribuzione dei concimi e dose variabile di semente ma anche di concime, fornisce i risultati economici migliori.
  2. Anche se ci continua ad arare ed erpicare, applicare la dose variabile di seme e di concime conviene sempre rispetto a operazioni eseguite senza sistemi di precisione.
  3. La differenza di redditività tra minima lavorazione e dose variabile di seme rispetto all’aratura senza alcun sistema di precisione è pari a ben 386 euro/ha.

In un prossimo articolo analizzeremo le voci di costo che mettono in risalto il vantaggio garantito dalla minima lavorazione e dallo strip-till.

Microsite - academy.kvernelandgroup.it